La titolarità dell’immobile viene richiesta durante il passaggio a Tate, perché ci serve per sapere a che titolo legittimo occupi l’abitazione per cui richiedi l’attivazione della fornitura luce e/o gas.

Potrai scegliere tra le seguenti casistiche: 

  1. proprietario dell’immobile, ovvero se i locali di fornitura sono di proprietà della persona che richiede l’attivazione del servizio a proprio nome; 
  2. affittuario/conduttore, nel caso in cui i locali oggetto di fornitura risultino attualmente concessi in locazione alla persona che richiede l’attivazione del servizio a proprio nome;
  3. detentore ad altro titolo, le cui casistiche principali corrispondono all’usufrutto (è il diritto di godere di un immobile bene altrui comprese le accessioni del medesimo) o al comodato d’uso (una parte consegna ad un'altra l'immobile affinché se ne serva per un uso determinato con l'obbligo di restituire l'immobile in seguito).

Hai trovato la risposta?