Questo glossario, definito dall'Autorità che regola il mercato al comma 22.2 della deliberazione 501/2014/R/com, è uno strumento utile per i clienti con utenza gas con consumi annui fino a 200.000 Smc al fine di chiarire nel modo più semplice possibile le voci presenti nella bolletta gas, fornendo per ognuna di queste una spiegazione.

Bolletta di sintesi

ELEMENTI MINIMI OBBLIGATORI

VOCE PRESENTE IN BOLLETTA

DESCRIZIONE

Dati del cliente

Dati identificativi del cliente (nome, cognome, ragione sociale, partita IVA/codice fiscale, indirizzo di fatturazione)

Dati necessari per procedere con la fatturazione del cliente finale che sia una persona fisica o giuridica.

Dati identificativi del punto

Dati fornitura e fatturazione

Indirizzo di fornitura

Luogo fisico in cui viene consegnata l’energia elettrica.

PDR

Codice numerico di 14 caratteri che identifica in modo certo il punto fisico in cui il gas viene consegnato dal venditore e prelevato dal cliente. Il codice non cambia anche se cambia fornitore.

REMI

Codice composto da numeri e/o lettere che identifica il punto di consegna dell'impianto di distribuzione che alimenta il PDR.

Caratteristiche commerciali della fornitura

Tipologia Mercato: Mercato Libero

Mercato in cui i clienti hanno liberamente scelto il venditore e le condizioni a cui comprare il gas naturale. Le condizioni economiche e contrattuali di fornitura sono concordate tra le parti e non fissate dall’Autorità.

Servizio di maggior tutela

Servizio di fornitura di elettricità a condizioni economiche e contrattuali stabilite dall’Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico. Il cliente domestico o le piccole imprese sono serviti in maggior tutela se non hanno mai cambiato venditore né stipulato con lo stesso un contratto nel mercato libero, o se ne hanno nuovamente richiesto l’applicazione dopo aver stipulato un contratto nel mercato libero con lo stesso o altri venditori.

Tipologia offerta

Nome dato all’offerta relativa al contratto firmato dal cliente nel mercato libero.

Consumi dell'ultimo anno

Consumo relativo ai 12 mesi di fornitura ottenuto dai consumi precedenti del cliente. Se il dato effettivo non è disponibile si ricorre alla stima. Se il dato che copre un periodo di 12 mesi non è disponibile viene indicato in bolletta
che si tratta del consumo come rilevato o stimato dall’inizio della fornitura, sulla base dei dati a disposizione, denominandolo “consumo da inizio fornitura”; trascorsi 12 mesi dovrebbe essere disponibile il relativo dato effettivo.

Informazioni e reclami

Recapiti necessari per contattare il venditore e ricevere informazioni o inoltrare reclami.

Distributore

Recapiti necessari per contattare il servizio guasti dell'impresa di distribuzione responsabile a cui segnalare eventuali guasti o malfunzionamenti.

Bonus sociale

Informazioni relative all'erogazione del bonus sociale.

Informazioni sui pagamenti

La bolletta riporta la situazione dei pagamenti, le modalità di pagamento a disposizione del cliente finale in caso di disguidi, secondo quanto previsto dal contratto.

Denominazione del contratto del mercato libero

Nome dato all’offerta commerciale relativa al contratto firmato dal cliente nel mercato libero.

Caratteristiche tecniche della fornitura

Domestico

Persona fisica che utilizza il gas da un solo PDR e un solo contatore per alimentare l'abitazione e i locali annessi all'abitazione.

Condominio ad uso domestico

Intero edificio, diviso in più unità catastali, in cui ci sia almeno una unità abitativa ad uso domestico relativo ad un PDR.

Altri usi

Per clienti che utilizzano il gas naturale per usi diversi da quelli sopra.

Tipologia d'uso

Tipo di utilizzo che viene fatto del gas fornito (cottura cibo, produzione acqua calda o riscaldamento). Va indicato solo per i clienti di tipo domestico.

Classe del misuratore

Classe del contatore installato presso il cliente, rilevante ai fini di quanto viene fatturato per il servizio di distribuzione ed eventuali indennizzi. Indicata con la lettera G seguita da un numero.

PCS

Potere calorifico superiore convenzionale, ovvero la quantità di energia contenuta in un metro cubo di gas a condizioni standard di temperatura e pressione.

Coefficiente C

Coefficiente correttivo che converte il consumo misurato dal contatore nell'unità di misura utilizzata per la fatturazione. Da metri cubi a standard metri cubi. Necessario per far pagare ai clienti realmente il gas consumato che dipende dalla pressione e dalla temperatura di consegna.

Dati relativi al documento di fatturazione

Data di emissione e termine di pagamento

Data dell'emissione della fattura e scadenza del termine di pagamento.

Periodo cui si riferisce la bolletta

Periodo concernente i consumi fatturati.

Numero fattura elettronica valida ai fini fiscali

Numero della fattura elettronica valida ai fini fiscali trasmessa al SdI.

Dati relativi alle letture, ai consumi e a eventuali ricalcoli

Dettaglio consumi storici - Letture e consumi

Letture rilevate

Lettura corrispondente al dato che compare sul display del contatore ad una certa data e viene rilevata dal distributore che la comunica al venditore.

Autoletture

Dato che compare sul display del contatore ad una certa data e viene rilevata dal cliente finale che lo comunica al venditore.

Letture stimate

In mancanza di altro, stima del numero che dovrebbe comparire sul display del contatore ad una certa data.

Consumi effettivi

Smc risultanti tra due letture rilevate o autoletture, la differenza tra numeri indicati dal display del contatore al momento dell'ultima lettura/autolettura e i numero indicati al momento della precedente lettura/autolettura.

Consumi stimati

Consumi attribuiti in mancanza di letture effettive/autoletture. Questi sono calcolati sulla base dei consumi storici del cliente a disposizione.

Consumi fatturati

Smc fatturati in bolletta per il periodo di riferimento.

Ricalcolo

Quando c'è un riconteggio dei consumi o corrispettivi precedentemente fatturati. Casistiche: si rendano disponibili le letture effettive ed i relativi consumi effettivi a seguito di precedenti bollette basate su letture stimate e relativi consumi stimati; di una modifica dei consumi dovuta ad esempio ad una ricostruzione dei consumi per malfunzionamento del contatore o ad un errore nel dato di lettura comunicato dal distributore; di una modifica dei prezzi applicati, ad esempio legati a specifiche sentenze del Tribunale amministrativo. Il ricalcolo può dar luogo ad un saldo a debito o a credito del cliente.

Sintesi degli importi fatturati

Spesa per la materia gas naturale

Include gli importi relativi alle attività svolte dal venditore per fornire gas naturale, tra cui l'acquisto, la commercializzazione al dettaglio e la quota mensile di Tate.

Spesa per il trasporto e la gestione del contatore

Include gli importi relativi alle attività che consentono ai venditori di consegnare ai clienti il gas da loro consumata.

Spesa per oneri di sistema

Include gli importi destinati alla copertura di costi delle attività di interesse generale per il servizio gas.

Ricalcoli

Include gli importi fatturati a debito o credito del cliente per una modifica dei consumi dovuta alla ricostruzione di consumi per malfunzionamento del contatore o ad un errore del dato di lettura dal distributore o per una modifica dei prezzi applicati.

Altre partite

Include gli importi addebitati/accreditati eventualmente per oneri diversi da quelli sopra indicati. La natura di ogni importo è esplicitata.

Bonus sociale

Include importi a credito per chi ha chiesto il bonus sociale per disagio economico.

Totale imposte e IVA

Include le voci relative all'imposta di consumo accisa e all'imposta sul valore aggiunto (IVA) e l’ammontare degli Smc cui sono applicate le singole aliquote, per le accise e la/e base/i imponibile/i e la/e aliquota/e applicata/e per l'IVA.

Dati relativi alle ulteriori caratteristiche contrattuali

Data attivazione

Data di decorrenza della fornitura alle condizioni previste dal contratto.

Aggiornamenti corrispettivi

Informazioni su eventuali aggiornamenti dei corrispettivi, con indicazione di data e norma.

Comunicato ARERA

Informazioni relative a comunicazioni dell'Autorità per i clienti finali.

Bolletta di dettaglio

ELEMENTI DELLA PARTE DI DETTAGLIO

VOCE PRESENTE IN BOLLETTA

DESCRIZIONE

Informazioni necessarie per valorizzazione corrispettivi

Letture e consumi - Periodo

Corrispettivo unitario

Prezzi che il cliente paga per ogni Smc consumato e unità di tempo.

Quota energia

Include gli importi da pagare in base al consumo (€/Smc).

Quota fissa

Include gli importi da pagare a prescindere dal consumo (€/PDR/mese).

Scaglioni

Alcuni costi possono variare in base al livello di consumi.

Unità di misura

Il contatore misura il gas in metri cubi, ma in bolletta i consumi fatturati sono con standard metro cubo. Lo standard metro cubo si ottiene moltiplicando i metri cubi per il coefficiente C.

Dettaglio degli importi fatturati

Spese per la Materia Gas Naturale

Include gli importi relativi alle attività svolte dal venditore per fornire gas naturale, tra cui l'acquisto e la commercializzazione al dettaglio e la quota mensile di Tate. Differenziata tra quota energia e quota fissa.

Spese per il Trasporto e la Gestione del Contatore

Include gli importi relativi alle attività che consentono ai venditori di consegnare ai clienti il gas da loro consumato. I corrispettivi qui sono suddivisi in quota fissa e quota energia, quest'ultima divisa per scaglioni di consumo.

Spese per Oneri di Sistema

Include gli importi destinati alla copertura di costi delle attività di interesse generale per il sistema gas. I corrispettivi qui sono suddivisi in quota fissa e quota energia, quest'ultima divisa per scaglioni di consumo.

Altri specifici corrispettivi

Corrispettivo Cmor

Addebito al cliente dall’attuale venditore a titolo di indennizzo a favore di un venditore precedente, per il mancato pagamento di una o più bollette.

Bolletta di dettaglio

Aggiungiamo inoltre la guida alla lettura delle voci di spesa per i clienti del Servizio di Maggior Tutela del servizio gas (Fonte: sito ARERA).

Hai trovato la risposta?