Costo medio unitario per la sola materia energia

Il costo medio unitario per la sola materia energia è calcolato sul rapporto tra i kWh fatturati e le altre voci della spesa materia energia. Per questo non va confuso con il solo costo al kWh del piano tariffario scelto (costo dell'energia). Infatti, prendendo ad esempio la bolletta luce, le spese per la materia energia comprendono tutti quei costi relativi alle attività svolte da Tate per l’acquisto e la fornitura della tua energia elettrica. Queste sono composte da una quota variabile (di cui fanno parte il costo dell’energia, le perdite di rete, il costo per il dispacciamento) e una fissa (comprensiva della componente PCV, di quella di dispiacciamento e della quota mensile di Tate) . Per approfondire ancora di più questo costo clicca qui.

Costo medio unitario in fattura 

Il costo medio unitario in fattura è il rapporto tra l’intero importo della bolletta luce o gas e il consumo di kWh del periodo di riferimento

Tale costo non corrisponde però al costo per kWh della tua tariffa, in quanto include anche tutti i costi e tasse (es. IVA ed accise) non definiti dal fornitore relativi alle bollette energia. Tali costi e tasse variano in base al consumo di ogni mese e quindi il costo medio unitario non è fisso ma varia ad ogni bolletta. Il parametro ti permette comunque di avere un’idea del costo medio della tua fornitura luce.

Costo per l'energia

Il costo per l'energia corrisponde al costo della tariffa che scegli quando sottoscrivi un contratto con Tate. Con noi puoi scegliere una tariffa a prezzo variabile o una a prezzo fisso. Per sapere la differenza tra le due tariffe clicca qui, mentre se vuoi sapere i costi delle nostre tariffe luce visita la sezione del nostro sito.

Hai trovato la risposta?